Vai al contenuto

Giornata a Kandy

Iniziamo la giornata a Kandy con la visita al tempio del sacro dente.

Arriviamo al tempio costeggiando il bellissimo lago artificiale che, con le colline verdi e lussureggianti sullo sfondo, dona una magica atmosfera a questa città. All’ingresso capiamo subito che questo tempio è molto importante per gli Sri Lankesi: i controlli di sicurezza e di conformità dell’abbigliamento sono severissimi; finché spalle e ginocchia non sono completamente coperti, non si entra!

Lasciate al solito le scarpe al deposito, camminiamo scalzi lungo l’ampio e curatissimo cortile, per entrare subito nel tempio. Anche in questo luogo la sensazione di spiritualità é fortissima, con tanti fedeli che lasciano fiori in dono e rimangano in preghiera davanti alla stupa con il dente. Il dente non è visibile a nessuno, ma mantenuto come una matrioska all’interno di 7 stupe, che richiedono 7 chiavi differenti per essere aperte.

Quadri appesi sui muri del tempio riportano la rappresentazione visiva della storia del dente da quando é arrivato in Sri Lanka, poi rubato e infine riportato in patria dalla principessa, nascosto tra i suoi folti capelli neri.

Uscendo dal tempio continuiamo con la visita del palazzo reale e della zona delle udienze e usciamo per la prossima tappa: l’orto botanico.

L’orto di Kandy è una grandissima distesa verde di piante e animali spettacolari. Da alberi dal lattice letale, a grandissime querce, al giardino con oltre 200 specie di orchidee e poi le immancabili scimmie e i pipistrelli che vediamo penzolare numerosi sopra le cime degli alberi più alti.

in mezzo al parco troviamo un ponticello sospeso dove ammirare il fiume che scorre sotto e, tornando indietro, abbiamo un primo assaggio del clima tropicale: da che il cielo era sereno, è venuta giù una bomba d’acqua giusto appena il tempo di infradiciarci come dei pulcini. Per poi, come niente fosse, ritornare il sereno!

Rientrati a Kandy è il momento di scoprire la città. Il pullman ci lascia nel centro e iniziamo a girare tra le numerose bancarelle. Kandy è, assieme a Colombo, la città più popolosa dello Sri Lanka, e si nota subito la contrapposizione tra la tranquillità dei posti appena passati e il caos entropico del traffico cittadino, con i tuktuk che sfrecciano e si intrufolano in ogni spazio libero e la gente che affolla le strade. Anche se questi sono giorni di festa, non penso che nel resto dell’anno la frenesia di questa città sia di molto ridotta.

Girando tra le bancarelle del mercato il leitmotiv è contrattare, contrattare, contrattare. E se si è capaci a farlo, è anche possibile fare dei buoni acquisti. Noi però preferiamo andare oltre e salire lungo la strada dove ci siamo fatte catturare da un negozietto di té. Ovviamente, oltre a gustare una buona tazza di tè, ne ho comprate diverse varietà tra cui quello bianco che scopro essere una qualità molto pregiata.

Finiamo infine il nostro giro e, dopo una vittoriosa contrattazione, ci facciamo portare in hotel dai tuktuk, sperando di sopravvivere alla sregolata guida dei loro piloti, per prepararci per la festa di stasera.

Ma questa è un’altra storia…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: