Vai al contenuto

Dalla Cappadocia alla costa occidentale

Carichi dell’adrenalina della mongolfiera riprendiamo il nostro itinerario, che ci porterà verso la parte più rilassante del nostro programma.

Il viaggio verso Pamukkale è lungo, ben 10 ore al netto delle soste. La prima rapida tappa è il museo di Mevlana, fondatore del movimento dei dervisci rotanti, un luogo sacro per i musulmani. Nel mausoleo la cui porta recita “Chi entra qui incompleto, ne uscirà perfetto” è conservata la tomba del gran maestro, non accessibile però durante la nostra visita.  Le varie stanze, con oggetti e documenti risalenti all’attività dei dervisci non mi ha colpito particolarmente, mentre ho trovato molto grazioso il cortile esterno dove le aiule fiorite circondano le stele, a memoria delle persone lì sotto sepolte.

Dopo la visita ripartiamo velocemente, ma siamo costretti ad una sosta extra in un vicino paese per sistemare l’aria condizionata sul pullman, rotta proprio mentre la nostra rotta punta verso la parte più calda della Turchia.

Questo inconveniente ci da però modo di chiudere la mattinata girando nel piccolo paese di Konia, dove ci inebriamo di odori e colori tra le rumorose vie del mercato delle donne. Chiamato così perchè un tempo vi vendevano le schiave, oggi è un normale bazar colorato dalle numerose spezie ordinatamente esposte sui banchi e dalle erbe seccate appese sui soffiti, inebriato dagli odori dei cibi tipici e reso allegro dal brusio che abbiamo generato dal nostro passaggio, che ha catalizzato l’attenzione generale. Probabilmente questa non è una località abituata a veder spesso i turisti.

Raggiungiamo infine un ristorante molto carino suggerito dalla nostra esperta guida, dove pranziamo con la pizza turca. Scelgo quella con carne e formaggio che, per quanto più delicata e buona rispetto a quella mangiata a Istanbul, continuo a non amare particolarmente.

Arriviamo al nostro hotel distrutti dal lungo viaggio che sono ormai passate le 21:30. Mangiamo un veloce pasto servito da un personale stizzito per un servizio serale che sono stati costretti a protrarre: a quanto pare nella costa occidentale la sera si mangia molto presto.

Affamati divoriamo il cibo e crolliamo esausti, anche in vista dell’ennesima sveglia mattutina per la visita a Pamukkale.

Pamukkale è una delle tappe di questo viaggio che ho bramato con maggiore ansia: sarà anche colpa della mia fedele guida Routard che ha in copertina proprio le bianche vasche, ma il luogo mi incuriosice tanto.

In realtà però il nostro giro inizia al “contrario” rispetto all’orda di turisti: la nostra esperta guida ci fa entrare dalla porta nord, poco usata, e iniziamo il giro dall’antico sito di Hierapolis nell’ora più fresca (ottima idea considerata l’assenza di zone d’ombra) e tutto solo per noi.

La nostra giornata quindi parte dalla visita di magnifiche rovine. I ricchi romani infatti non si potevano perdere questo posto meraviglioso per collocarvi una città: scopriamo che un tempo la gente veniva in questi luoghi per curarsi da varie patologie e, nei casi più sfortunati, vi rimaneva per sempre sepolta nelle sue catacombe

Dopo il fantastico teatro romano, accediamo alle abbaglianti cascate pietrificate. Purtroppo l’ormai scarsa acqua delle sorgenti ha lasciato vuote molte vasche, ma riusciamo comunque ad apprezzare e camminare a piedi scalzi tra i vari terrazzamenti naturali, sentendo il morbido calcare bagnato sotto i piedi.

Chiudiamo la giornata con un veloce e salto in spiaggia e ammirando uno splendido tramonto.

Il giorno dopo ci aspetta l’ultima meravigliosa tappa culturale: Efeso. Il giro è stato molto interessante ed il sito è veramente enorme e conservato incredibilmente bene. Unica pecca, nonostante la partenza mattiniera, il caldo opprimente ci ha stancati veramente tanto facendoci godere un po’ meno il nostro giro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: